INTERVISTATO: ANDREA LAURENTI

 

  • Conoscevi già la Formula SAE e l’E-Team prima di fare questa esperienza?

Sì, ne avevo sentito parlare durante i corsi del prof. Guiggiani, colui che insieme al prof. Vitale ha messo in moto questo affascinante progetto.

  • Quanto tempo sei rimasto in squadra?

Sono entrato a fine stagione 2014-2015 e ci sono rimasto per due anni.

  • Quale o quali ruoli hai svolto?

Quando sono entrato, mi ero appena laureato alla triennale. Ho cominciato contribuendo alla stesura del manuale di montaggio della macchina Kerub insieme a Paolo Giannotti (anche lui tra gli intervistati di questa rubrica). Facevo parte del settore “Dinamica del veicolo”, che si occupava di messa a punto della vettura con test.

L’anno seguente mi hanno nominato Caposettore. In realtà, mi fu prima chiesto di diventare il nuovo Direttore Tecnico, ma rifiutai… Ho sempre preferito lavorare con la parte più tecnica e la dinamica del veicolo mi è sempre piaciuta…

 

  • Descrivi i momenti più tragici e più belli che hai dovuto affrontare in quanto caposettore…

Uno dei momenti di maggiore difficoltà che mi sono trovato a fronteggiare è stato il ritardo nella consegna del telaio: la scadenza era prevista a febbraio e invece è arrivato a maggio… il delirio… ma alla fine grazie al lavoro degli altri settori, che si sono occupati della finitura di tutti i componenti necessari, siamo riusciti a montare la macchina in soli 15 giorni!

Tra i momenti di maggiore soddisfazione, ricordo invece l’Endurance finita per la prima volta durante i test e per la prima volta dopo 7 anni a Varano alla Formula SAE Italy!

 

  • Quale momento preferivi nel corso di una stagione?

Le gare… certamente!

  • Cosa ricordi con maggior nostalgia?

Le nottate in officina a mangiare la pizza davanti alla macchina, tante risate… abbiamo passato momenti durissimi, ma si era creato un gruppo davvero unito… Sarà difficile trovare un ambiente lavorativo come questo…

  • Quanto pensi sia stata importante per te l’esperienza nell’E-Team sia a livello personale che professionale e perché?

A livello personale è stata importante per i rapporti che si sono creati. Dal punto di vista professionale, invece, mi ha aiutato ad acquisire competenze che diversamente sono difficili da ottenere prima di un colloquio di lavoro… Inoltre ho avuto modo di constatare personalmente che questo tipo di esperienza è tenuta in gran conto dalle aziende che conoscono la realtà della Formula SAE…

  • Cosa fai oggi?

Lavoro in Magneti Marelli come stagista interno e mi occupo di ammortizzatori. Il colloquio si è svolto anche intorno all’esperienza nell’E-Team.

  • Hai qualche aneddoto da raccontare?

Aneddoti? Il Prof. Guiggiani andò a vedere la gara a Varano, dove si completò finalmente l’Endurance… Fermò tutti ai box e disse che non si poteva farlo andare in pensione senza aver visto la macchina superare l’Endurance: piangevano tutti, compreso il professore…

  • Qualche consiglio da dare ai nuovi membri?

Direi di tenere ben a mente queste massime:

  • Non mettere troppa carne al fuoco. Fare ciò che si può fare, ma farlo bene!
  • Avere sempre un piano b, perché gli imprevisti non mancano mai…
  • Rispettare le scadenze! A fine maggio la macchina deve andare!
  • Finire l’Endurance durante i test, altrimenti non si finisce neanche in gara…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi